Wednesday, June 16, 2021

Giangrande, l'uscita del nuovo disco lanciata da un bel singolo e video: Morning Dew

Oggi siamo lieti di tornare a parlare di un vecchio amico della trasmissione, ed anche del sottoscritto, che abbiamo già portato in concerto a Lussemburgo.

Parlo di (Massimo) Giangrande, talentuoso cantautore che conosco dai tempi in cui era il frontman dei Punch & Judy, rockband romana che dopo una lunga gavetta ed un paio di EP autoprodotti arrivò a pubblicare un bell'album, La cura migliore, nel 2004. Risale invece al 2008 il suo esordio solista, Apnea: un disco straordinario, che avrebbe meritato ben maggior attenzione, e per il quale lo portammo a suonare a Lussemburgo. Nel 2012 è uscito il suo secondo album, Directions, prodotto da Paolo Benvegnù e seguito nel 2018 da Beauty at closing time (qui il podcast con l'intervista). Nel mezzo, lo abbiamo ospitato sei anni fa (qui il podcast) per l'EP Disappear di Antiphone, un progetto di musica elettronica con Andrea Biagioli, di cui abbiamo in seguito presentato il primo album, Elestart.

Lo scorso 8 giugno ha pubblicato il suo nuovo album, Beehives of resistance, che ha registrato in gran parte nel suo studio tra i boschi dell’Appennino tosco-emiliano suonando quasi interamente tutte le parti strumentali e vocali, affiancato da Gioele Pagliaccia alla batteria e da Andrea Biagioli al pianoforte, rhodes e synth. Un lavoro dagli arrangiamenti scarni ed essenziali, ma come sua abitudine molto eleganti, che lo porta ad esplorare in direzioni nuove e diverse: "è quasi un’opera di utopia che mi aiuta a camminare, spostandosi di continuo, così come fa la linea dell’orizzonte quando la inseguiamo, sempre un passo più in là."
L'uscita del disco è lanciata da un secondo singolo, Morning dew, che racconta così: "Per registrare nel mio studio, circondato dal bosco, prima di mettermi a lavoro devo fare un po' di legna così da assicurarmi il caldo per tutto il giorno. Quella mattina la rugiada copriva ogni cosa intorno a me e da lì ho preso spunto per scrivere la musica e il testo. Tutto si è generato con grande immediatezza, in un ruvido equilibrio tra immagini e sensazioni quasi primordiali che ho cercato di trasferire nel brano, registrandolo in un'unica take, per fotografare lo stato emotivo del momento." Oggi vi invitiamo a scoprire il bel video in animazione, a cura del regista Gianluca Maruotti: enjoy!!


Tuesday, June 15, 2021

Olden, ecco il video del nuovo singolo: Le nostre vigliacche parole mancanti (feat. Pierpaolo Capovilla)

Due settimane fa abbiamo presentato uno splendido singolo che ha lanciato l'uscita del nuovo disco di un cantautore che apprezziamo molto.

Parliamo di Olden, all'anagrafe Davide Sellari, artista perugino stabilito da anni a Barcellona, nelle nostre scalette poco più di un anno fa per il suo precedente album, Prima che sia tardi. Il suo nuovo lavoro, il sesto in dieci anni di carriera, si intitola Cuore nero ed è uscito il 28 maggio, sempre per Vrec Music Label
La produzione è curata anche questa volta da Flavio Ferri, nostro ospite qualche mese fa (qui il podcast), e come lui anche Olden ha deciso di pubblicare sulle piattaforme digitali solo tre singoli, mentre l'intero disco potrà essere ascoltato soltanto da chi acquisterà una copia in cd o vinile (disponibile online a questo link).

Un album intenso ed toccante, che riflette il senso di straniamento di questo lungo periodo di pandemia attraverso gli arrangiamenti ed i suoni di Flavio e la voce di Olden. Il secondo singolo, Le nostre vigliacche parole mancanti, vede la partecipazione di Pierpaolo Capovilla (fondatore del Teatro degli Orrori e degli One Dimensional Man) che ha composto questo bel brano che mescola il sociale con il privato a quattro mani con Olden, che lo presenta così: "La Storia si confonde con la storia di un rapporto ormai concluso, della cui fine si prende tardivamente coscienza." Nei giorni scorsi è stato pubblicato il video che vi proponiamo oggi, per la regia dello stesso Flavio Ferri: enjoy!!


Monday, June 14, 2021

Reminder: Ready for what dei News for Lulu CD-tipp della settimana di Radio ARA!!

Come sapete, abbiamo periodicamente l'onore di scegliere e presentare il CD-tipp, disco della settimana di Radio ARA: da lunedì a venerdì, un brano al giorno, alle 18. Ci pare giusto ricordare che questa settimana è nuovamente il nostro turno, anche perché ci occuperemo di uno dei due dischi presentati sabato scorso con un'intervista (qui il podcast), l'ottimo ritorno di una band che amiamo molto, a più di sei anni dal loro ultimo album.

Era infatti settembre 2014 quando abbiamo presentato con una bella intervista Circles, terzo disco dei News for Lulu, band pavese che avevamo conosciuto ed anche già ospitato tre anni prima per il loro precedente They know, che ci aveva colpiti al punto di inserirlo nelle Sentieri Sonori Picks del 2011. Abbiamo fatto altrettanto per Circles, registrato e mixato ad Omaha da Ben Brodin (Jason Mraz, Conor Oberst) e masterizzato da Joe Lambert (Black Crowes, Animal Collective, The National..), che ce li ha presentati ulteriormente cresciuti e maturati, confermandoli come una realtà molto interessante, in un territorio che va dal pop e rock americano a psichedelia e indie.

Il 4 giugno Street Hassle Records ha pubblicato il loro nuovo album, Ready for what"una sintesi appassionata, colorata e brillante di un momento complesso nella vita dell’uomo e del musicista, un (auto)ironico ritratto dell’artista da non più (troppo) giovane che sa cogliere e raccontare la decadenza acclusa alla crescita, un viaggio, declinato in varie forme di pop, nei conti fatti con sé stessi: come singoli, come protagonisti di situazioni e di relazioni affettive con l’altro, ma anche come band." Un lavoro dalle mille sfaccettature, che allarga ulteriormente il loro mondo sonoro con la collaborazione e la produzione di Luca Bergomi (Dumbo Gets Mad), restando fedele alla loro personalità ed eleganza. 
Non perdete l'occasione di approfondire l'ascolto di questo bellissimo disco da oggi a venerdì alle 18 (circa) su Radio ARA, 102.9 & 105.2 in FM a Lussemburgo, live streaming a questo link.


Sunday, June 13, 2021

Serena Altavilla live al GRS Studio

Un mese fa siamo stati felici di accogliere in trasmissione (qui il podcast) una cantante da tanto tempo nelle nostre scalette, ma che ha appena esordito come solista.

Seguiamo Serena Altavilla da più di dieci anni, come cantante dei Blue Willa e dei Solki, con i quali ha pubblicato vari dischi e fatto un gran numero di concerti, sia in Italia che all'estero. Oltre a questo, abbiamo avuto occasione di presentare molte sue collaborazioni, che l'hanno vista prestare la sua splendida voce in studio e dal vivo a band quali Calibro 35, Mariposa, La Band del Brasiliano e Il Complesso di Tadà. Un primo singolo uscito a febbraio, Epidermide, ha anticipato il suo primo album da solista, Morsa, pubblicato il 9 aprile da Blackcandy Produzioni. La produzione artistica è stata curata da Marco Giudici, nostro ospite l'anno scorso (qui il podcast), ed anche i musicisti che hanno partecipato all’arrangiamento e all’esecuzione dei brani sono nomi a noi ben noti, come Adele Altro (Any Other), Luca Cavina (Calibro 35, Zeus!), Enrico Gabrielli (Calibro 35, PJ Harvey, Mariposa), Jacopo Lietti (Fine Before You Came), Fabio Rondanini (Afterhours, Calibro 35, I Hate My Village).

Il risultato è uno splendido lavoro, affascinante e vario, scarno e ricco allo stesso tempo, "trasposizione in chiave musicale di un viaggio autobiografico tra deja-vu e fantasmi passati, presenti e futuri". Oggi vi proponiamo tre begli estratti da una live session al GRS Studio che la vede accompagnata da Matteo Lenzi al vibrafono: enjoy!!




Saturday, June 12, 2021

Chef Ragoo e David Nerattini nel podcast della settimana, interamente dedicato al rap romano!!

Non avete potuto ascoltare in diretta la trasmissione di oggi, dedicata al rap romano con la partecipazione di Chef Ragoo e David Nerattini, o forse volete riascoltarla?
La trovate a questo link, in streaming o download: enjoy!!


Tracklist:

1

Eurocrime!

Calibro 35

2

Batti il tuo tempo

Onda Rossa Posse

3

Solo hardcore

Colle der Fomento

4

L'attacco dei funkadelici quattro

Colle der Fomento

5

Quello che ti do

Colle der Fomento

6

Spigoli di luce

AK47

7

Un mestiere qualunque

Cor Veleno

8

Poeti estinti feat. Danno, Rancore, Rockness Monstah (Heltah Skeltah)

& Mic Handz

Dj FastCut

9

Nerd hop feat. Suarez & DJ Shot

(prod. Ugly Shoes)

Chef Ragoo

10

La mia scena feat. Kento

(prod. Ice One)

Chef Ragoo


In onda stamattina, ospiti Chef Ragoo e David Nerattini!!

È arrivato il sabato, e con esso il vostro appuntamento con Sentieri Sonori: pronti per gli abituali 90 minuti di ottima musica italiana?!

Vi proporremo come sempre un programma molto ricco, con la partecipazione di due graditi ospiti, ma con una particolarità: sarà interamente dedicato al rap, e più precisamente al rap romano.
Avremo in primo luogo il piacere di dare il bentornato ad un vecchio amico, che abbiamo già ospitato più volte. David Nerattini è stato infatti con noi come membro de La Batteria, ma oltre ad essere un musicista è anche un giornalista, conduttore radiofonico (in passato ad esempio su StereoRai per Planet Rock, ora su Radio Elettrica) ed un apprezzato produttore e DJ, che ha collaborato fra gli altri con Colle der Fomento, Cor Veleno, Flaminio Maphia, Ghemon, Supremo73.. Con lui abbiamo iniziato una serie di collegamenti per parlare degli album storici del rap italiano, e dopo aver dedicato li primo a gennaio (qui il podcast) a SXM dei Sangue Misto ed il secondo a marzo (qui il podcast) a B-boy Maniaco di Ice One, questa volta ci occuperemo del primo disco del Colle der FomentoOdio pieno.
L'intervista della settimana sarà dedicata ad un altro veterano della scena hip hop romana, che ha appena pubblicato il suo atteso nuovo album.

Si fa chiamare Chef Ragoo, all'anagrafe Paolo Martinelli, ed ha iniziato a fare musica da adolescente, come cantante e batterista in varie band hardcore punk. Nei primi anni '90 si avvicina alla nascente scena rap, prima in duo con Brusco nella Vatican Posse, poi registrando un demo con vari amici tra cui Piotta, Colle Der Fomento e Villa Ada Posse, e partecipando con una strofa allo storico I Messaggeri della Dopa di Neffa. Il suo primo album, Explorandom, esce nel 2000, e nello stesso anno partecipa come co-protagonista e co-autore della colonna sonora al film dei Manetti Bros Zora la Vampira.
Negli anni successivi torna a dedicarsi a tempo pieno all’hardcore punk, prima come cantante nei Flu! e poi come batterista negli Anti You, coi quali realizza due LP, quattro singoli e vari tour in Europa e Stati Uniti. Nel 2011 fa uscire un nuovo disco rap, La compresenza dei morti e dei viventi, nel quale produce anche la maggior parte dei beat con la supervisione del suo storico producer Little Tony Negri (ovvero David Nerattini).

Attualmente impegnato come batterista nella band punk Greve, ha pubblicato il 20 maggio con Time 2 Rap il suo terzo album solista, Novecento"un’altra esplorazione in musica dei lati più oscuri della mente, che parte da semplici riflessioni sul tempo che scorre fino ad arrivare a una cruda riflessione sulla vita e sulla morte." Lunga è la lista degli ospiti, che siano MC (Danno, Suarez, Lucci, Don Diegoh, Kento, Aban, Cannas Uomo, Nobridge, Brusco), produttori (Ugly Shoes, Little Tony Negri, Ice One, I Cani) o DJ (DJ Craim e DJ Shot). Un lavoro molto bello, vario ed intenso, nelle sue parole "un disco necessariamente doloroso e dolorosamente necessario, Novecento è una inusuale versione del rap romano, che si rivolge non solo ai fan dell’hip-hop ma a un pubblico di fascia d’età più ampia e dai gusti più eclettici."


READY TO TUNE IN?!!
11.30/13, su Radio ARA, 102.9 & 105.2 in FM a Lussemburgo, live streaming a questo link, podcast a seguire qui.

Friday, June 11, 2021

Ready for what dei News for Lulu CD-tipp della prossima settimana di Radio ARA!!

Come sapete, abbiamo periodicamente l'onore di scegliere e presentare il CD-tipp, disco della settimana di Radio ARA: da lunedì a venerdì, un brano al giorno, alle 18. Ci pare giusto annunciare che la prossima settimana sarà nuovamente il nostro turno, anche perché ci occuperemo di uno dei due dischi presentati sabato scorso con un'intervista (qui il podcast), l'ottimo ritorno di una band che amiamo molto, a più di sei anni dal loro ultimo album.

Era infatti settembre 2014 quando abbiamo presentato con una bella intervista Circles, terzo disco dei News for Lulu, band pavese che avevamo conosciuto ed anche già ospitato tre anni prima per il loro precedente They know, che ci aveva colpiti al punto di inserirlo nelle Sentieri Sonori Picks del 2011. Abbiamo fatto altrettanto per Circles, registrato e mixato ad Omaha da Ben Brodin (Jason Mraz, Conor Oberst) e masterizzato da Joe Lambert (Black Crowes, Animal Collective, The National..), che ce li ha presentati ulteriormente cresciuti e maturati, confermandoli come una realtà molto interessante, in un territorio che va dal pop e rock americano a psichedelia e indie.

Il 4 giugno Street Hassle Records ha pubblicato il loro nuovo album, Ready for what"una sintesi appassionata, colorata e brillante di un momento complesso nella vita dell’uomo e del musicista, un (auto)ironico ritratto dell’artista da non più (troppo) giovane che sa cogliere e raccontare la decadenza acclusa alla crescita, un viaggio, declinato in varie forme di pop, nei conti fatti con sé stessi: come singoli, come protagonisti di situazioni e di relazioni affettive con l’altro, ma anche come band." Un lavoro dalle mille sfaccettature, che allarga ulteriormente il loro mondo sonoro con la collaborazione e la produzione di Luca Bergomi (Dumbo Gets Mad), restando fedele alla loro personalità ed eleganza. 
Non perdete l'occasione di approfondire l'ascolto di questo bellissimo disco da lunedì a venerdì prossimo alle 18 (circa) su Radio ARA, 102.9 & 105.2 in FM a Lussemburgo, live streaming a questo link.


Thursday, June 10, 2021

In onda sabato mattina, ospiti Chef Ragoo e David Nerattini!!

Si avvicina il sabato, e con esso il vostro appuntamento con Sentieri Sonori: pronti per gli abituali 90 minuti di ottima musica italiana?!

Vi proporremo come sempre un programma molto ricco, con la partecipazione di due graditi ospiti, ma con una particolarità: sarà interamente dedicato al rap, e più precisamente al rap romano.
Avremo in primo luogo il piacere di dare il bentornato ad un vecchio amico, che abbiamo già ospitato più volte. David Nerattini è stato infatti con noi come membro de La Batteria, ma oltre ad essere un musicista è anche un giornalista, conduttore radiofonico (in passato ad esempio su StereoRai per Planet Rock, ora su Radio Elettrica) ed un apprezzato produttore e DJ, che ha collaborato fra gli altri con Colle der Fomento, Cor Veleno, Flaminio Maphia, Ghemon, Supremo73.. Con lui abbiamo iniziato una serie di collegamenti per parlare degli album storici del rap italiano, e dopo aver dedicato li primo a gennaio (qui il podcast) a SXM dei Sangue Misto ed il secondo a marzo (qui il podcast) a B-boy Maniaco di Ice One, questa volta ci occuperemo del primo disco del Colle der Fomento, Odio pieno.
L'intervista della settimana sarà dedicata ad un altro veterano della scena hip hop romana, che ha appena pubblicato il suo atteso nuovo album.

Si fa chiamare Chef Ragoo, all'anagrafe Paolo Martinelli, ed ha iniziato a fare musica da adolescente, come cantante e batterista in varie band hardcore punk. Nei primi anni '90 si avvicina alla nascente scena rap, prima in duo con Brusco nella Vatican Posse, poi registrando un demo con vari amici tra cui Piotta, Colle Der Fomento e Villa Ada Posse, e partecipando con una strofa allo storico I Messaggeri della Dopa di Neffa. Il suo primo album, Explorandom, esce nel 2000, e nello stesso anno partecipa come co-protagonista e co-autore della colonna sonora al film dei Manetti Bros Zora la Vampira.
Negli anni successivi torna a dedicarsi a tempo pieno all’hardcore punk, prima come cantante nei Flu! e poi come batterista negli Anti You, coi quali realizza due LP, quattro singoli e vari tour in Europa e Stati Uniti. Nel 2011 fa uscire un nuovo disco rap, La compresenza dei morti e dei viventi, nel quale produce anche la maggior parte dei beat con la supervisione del suo storico producer Little Tony Negri (ovvero David Nerattini).

Attualmente impegnato come batterista nella band punk Greve, ha pubblicato il 20 maggio con Time 2 Rap il suo terzo album solista, Novecento, "un’altra esplorazione in musica dei lati più oscuri della mente, che parte da semplici riflessioni sul tempo che scorre fino ad arrivare a una cruda riflessione sulla vita e sulla morte." Lunga è la lista degli ospiti, che siano MC (Danno, Suarez, Lucci, Don Diegoh, Kento, Aban, Cannas Uomo, Nobridge, Brusco), produttori (Ugly Shoes, Little Tony Negri, Ice One, I Cani) o DJ (DJ Craim e DJ Shot). Un lavoro molto bello, vario ed intenso, nelle sue parole "un disco necessariamente doloroso e dolorosamente necessario, Novecento è una inusuale versione del rap romano, che si rivolge non solo ai fan dell’hip-hop ma a un pubblico di fascia d’età più ampia e dai gusti più eclettici."


La raccomandazione è la solita: READY TO TUNE IN?!!
Sabato 12 giugno, 11.30/13, su Radio ARA, 102.9 & 105.2 in FM a Lussemburgo, live streaming a questo link, podcast a seguire qui.

Wednesday, June 9, 2021

Pier Cortese, nuovo singolo e video: Te lo ricordi

Negli scorsi mesi abbiamo presentato, in trasmissione e qui sul blog, i nuovi singoli di un artista già in passato nelle nostre scalette.

Parliamo di Pier Cortese, cantautore romano in attività ormai da vent'anni, nel corso dei quali ha pubblicato due album da solista, due con Roberto Angelini nel progetto Discoverland ed altri due dedicati ai bambini, come Little Pier. Oltre a questo, molte sono state le sue collaborazioni, come autore, musicista e produttore (fra gli altri con Niccolò Fabi, Marco Mengoni e Simone Cristicchi) ed ha anche realizzato colonne sonore e lavorato per la televisione.
A gennaio ed a marzo Fiori Rari, l'etichetta di Roberto Angelini, ha pubblicato due suoi nuovi singoli, Tu non mi manchi ed È per te, prime anticipazioni del suo prossimo disco, che uscirà in autunno e attendiamo con molta curiosità.

Giusto ieri è seguito un nuovo bel brano, Te lo ricordi, dedicato all'automobile, come spiega: "L’automobile non è solo un veicolo, ma un contenitore di vita, di tempo, a volte un rifugio. La possibilità di guardare da un finestrino il movimento del mondo attraverso le stagioni, in silenzio, o con una musica che abbiamo scelto. Quando il motore si ferma tutto rimane lí, come un Arbre Magique attaccato ad uno specchietto retrovisore, da dove puoi guardare un pezzo della tua vita passata. A volte è il mezzo che giustifica il fine. Anche quando il fine è solo una strada." Ve lo presentiamo subito con il video diretto dallo stesso Pier Cortese e da Walter Monzi: enjoy!!


Tuesday, June 8, 2021

Dorso, nuovo singolo e video: Benessere

Questa mattina torniamo a parlare di un giovanissimo cantautore di cui vi avevamo presentato i primi singoli negli scorsi mesi.

Un artista di cui non sappiamo molto, oltre al comunicato che ce lo aveva presentato, che abbiamo quindi deciso di citare: "Dorso è Alessandro che prova a nuotare nel mare della canzone italiana. Classe '99, ha cominciato a suonare che ancora andava alle scuole medie. Ha pubblicato il primo EP - come cantante/chitarrista di una punk band - che aveva solo tredici anni. Nel mentre, in parallelo alla musica, ha sviluppato una passione viscerale per il nuoto, che lo ha portato a competere a livello agonistico, con buonissimi risultati.
Non era previsto che scrivesse canzoni in italiano. E invece è successo.
Quello di Dorso è un talento cristallino per la melodia, che si è formato nel contesto del punk e che ha trovato la sua forma definitiva nell'innamoramento per certe sonorità dal sapore tipicamente britannico. A partire, per esempio, da Alex Turner e dalla colonna sonora da lui realizzata per il film Submarine, che ha spinto Alessandro a confrontarsi con un'idea di scrittura più classica e ricca di sfumature."

Nei giorni scorsi 42 Records ha pubblicato un nuovo brano, Benessere, che conferma il talento di questo esordiente ed anche le grandi capacità di talent scouting di quella che si presentava come etichetta piccolissima di musica bellissima. Oggi ve ne presentiamo il video, girato da Giorgia Zamboni, che lo ha anche montato con lo stesso Dorso, che lo presenta così: "Tutto nasce dal non riuscire a rilassarmi mai davvero, dal vivere continuamente un sacco di contrasti: un po' come stare in un centro benessere in giacca e cravatta. Ho provato a mettere insieme tutta una serie di cose che amo e odio, tra balletti e pose varie. Insomma, volevo solo divertirmi, e in fondo è andata così". Enjoy!!