Friday, February 24, 2017

Giorgieness, nuovo singolo e video: Che strano rumore

Nel corso dell'anno scorso vi abbiamo più volte parlato, sia in trasmissione che qui sul blog, di un'interessante band agli esordi.

Si fanno chiamare Giorgieness, e si sono formati nel 2011 attorno a Giorgie D'Eraclea, giovane cantautrice valtellinese.
Dopo un primo EP nel 2013, Noianess, ed un'intensa attività live, nel 2015 iniziano a lavorare al loro album di esordio, pubblicandone due prime anticipazioni.

Il disco è uscito l'8 aprile 2016 per Woodworm e si intitola La giusta distanza, che l'autrice spiega essere "quello spazio fra la reazione eccessiva e l'indifferenza, nel quale bisognerebbe prendere le decisioni importanti".
Un buon album rock, una manciata di belle canzoni, fra ballate e pezzi più tirati, che mettono in valore questa talentuosa artista, e la sua voce, bella ed emozionante.

Quest'oggi vi vogliamo proporre il nuovo video, Che strano rumore, pubblicato nei giorni scorsi: enjoy!!




Thursday, February 23, 2017

In onda sabato mattina, ospiti Edda e Cesare Basile!!

La settimana sta come sempre volando via, si avvicina il weekend, e con esso il vostro appuntamento con Sentieri Sonori!!

Appuntamento particolarmente ricco, in primo luogo perché l'intera trasmissione sarà dedicata ad interessanti novità, ed in secondo luogo perché avremo due grandi ospiti.
Parlando delle novità, vi presenteremo l’esordio di Giovanni Cinque, i nuovi album di O.R.k., Dorian Gray e Marti e le anticipazioni dai prossimi dischi di Gazebo Penguins, Freaky Mermaids e Colombre.

Venendo agli ospiti, chiuderemo il mese con un'accoppiata veramente speciali, due artisti che da decenni fanno la storia della musica che amiamo, fra le firme e le voci che più ci emozionano.
Sarà in primo luogo il momento di accogliere nuovamente un musicista ed una persona speciale, ed una delle più grandi voci della storia del rock italiano.

A due anni dal suo ultimo disco, Stavolta come mi ammazzerai?, che vi avevamo presentato con una trasmissione monografica (qui il link al podcast), sta tornando uno dei più grandi personaggi degli ultimi decenni di musica italiana, Stefano Rampoldi, in arte Edda.
Dopo sei album con i Ritmo Tribale, e tre LP ed un live EP da solista, pubblicherà questo venerdì con Woodworm Label Graziosa utopia, "un disco maturo, forte e disperato, denso di suggestioni, spiritualità, provocazioni e amore incondizionato".

Un nuovo splendido capitolo nella storia di questo grande artista, che saremo molto felici di ospitare per presentarcelo.



Avremo poi il piacere di accogliere nuovamente un altro grande artista, che abbiamo già ospitato più volte, non solo in trasmissione ma anche in concerto.

Stiamo parlando di Cesare Basile, che venerdì pubblicherà il suo nuovo disco, a quasi due anni di distanza da Tu prenditi l'amore che vuoi e non chiederlo più, che gli è valso una Targa Tenco per il miglior disco dialettale del 2015, e che vi avevamo presentato con una bella intervista (qui il podcast).
L'album si intitolerà U fujutu su nesci chi fa?, ed il comunicato stampa lo annuncia così: "E' un canto dell'anima buia e profonda quello di Cesare Basile. Ancora una volta la scelta ricade sul dialetto siciliano, che si fa lingua e suono, oscuro e vivo, arcaico e contemporaneo al tempo stesso. Ancora una volta l’autore dà forma e sostanza a un pugno di canzoni che si materializzato immediatamente in altrettanti pugni nello stomaco di chi ascolta. E' il suono del disco a marcare un fluire musicale totalmente inedito: un Mantra mediterraneo fatto di blues e di musica africana, di brani ipnotici spesso basati su uno solo accordo, di polifonie vocali e di controcanti femminili, di ossessive poliritmie percussive. Il nuovo capolavoro di Cesare Basile."

Un lavoro come sempre molto intenso, sincero e sentito, che ci darà l'occasione di ospitare ancora una volta l'artista catanese.



La raccomandazione è la solita: READY TO TUNE IN?!!
Sabato 25 febbraio, 11.30/13, su Radio ARA, 102.9 & 105.2 in FM a Lussemburgo, live streaming a questo link, podcast a seguire qui.

O.R.k., primo video dal nuovo album: Collapsing hopes

Questa mattina ci occupiamo di una delle tante uscite della settimana, e torniamo a parlare di quello che una volta si sarebbe definito un "supergruppo", per metà italiano.

A fine settembre 2015 vi abbiamo presentato in anteprima (qui il link al podcast) l'esordio di un progetto che unisce due ottimi musicisti italiani con due grandi nomi del rock internazionale.
Si chiamano O.R .k. e nascono dalla collaborazione tra gli italiani Lorenzo Esposito Fornasari (aka Lef, cantante e tastierista di Berserk! ed Obake) e Carmelo Pipitone (che dovreste ben conoscere come chitarrista dei Marta sui Tubi), l'australiano Colin Edwin (bassista fra gli altri dei Porcupine Tree) e l'americano Pat Mastellotto (batterista noto soprattutto per la militanza nei King Crimson).
Il loro primo album, Inflamed rides, era un'opera di grande impatto, affascinante ed originale, fra prog, math rock, psichedelia e molto altro.

Alla fine dello scorso anno vi avevamo annunciato l'uscita del loro nuovo disco, che si intitolerà Soul of an octopus e sarà pubblicato questo venerdì, 24 febbraio, dall'inglese Rare Noise RecordsUn altro splendido lavoro, ancor più potente ed intenso del precedente, anche grazie ai lunghi tour in Europa e Sudamerica, che hanno aumentato la coesione della band.
Ve lo presenteremo sicuramente in trasmissione nelle prossime settimane, nell’attesa quest’oggi ve ne proponiamo il primo video, Collapsing hopes: enjoy!!



Wednesday, February 22, 2017

Cesare Basile, primo video dal nuovo disco: Cincu Pammi

Come annunciato, sabato chiuderemo il mese di febbraio con un'accoppiata di ospiti veramente speciali, due artisti che da decenni fanno la storia della musica che amiamo, fra le firme e le voci che più ci emozionano: Edda e Cesare Basile.

Questa mattina vi vogliamo parlare del secondo, che venerdì pubblicherà il suo nuovo disco, a quasi due anni di distanza da Tu prenditi l'amore che vuoi e non chiederlo più, che gli è valso una Targa Tenco per il miglior disco dialettale del 2015, e che vi avevamo presentato con una bella intervista (qui il podcast).
U fujutu su nesci chi fa? è "un mantra mediterraneo fatto di blues e di musica africana, di brani ipnotici spesso basati su uno solo accordo, di polifonie vocali e di controcanti femminili, di ossessive poliritmie percussive".

Un lavoro come sempre molto intenso, sincero e sentito, che ci darà l'occasione di ospitare ancora una volta l'artista catanese.

Oggi 
siamo lieti di presentarvi il primo video estratto dall'album, Cincu Pammi, un "video documento relativo all’antica lotta con i bastoni di cui Cesare canta nel suo ultimo disco, e che lui stesso pratica da anni grazie all’insegnamento del maestro Alfio Di Bella, uno dei rari depositari di questa disciplina antica e dimenticata": enjoy!!


A scola è longa quantu è longu u vastuni
Cu cogghi u fruttu prima do so tempu cogghi amarizza
Camina comu na tartaruga
Sauta comu na buffa

La scuola è lunga quanto è lungo il bastone
Chi raccoglie il frutto prima del suo tempo, raccoglie amarezza
Cammina come una tartaruga
E salta come una rana



Tuesday, February 21, 2017

Freaky Mermaids, primo video dal nuovo disco: You In Me

Continua incessante la serie delle nuove uscite, e quest’oggi vi vogliamo iniziare a parlare di un bel disco che sarà pubblicato la settimana prossima e che vi presenteremo presto.

Si intitolerà Everything could happen, e sarà il terzo lavoro, secondo sulla lunga distanza, di un gruppo bresciano al femminile, Freaky Mermaids.
Una band nata nel 2006 dall’incontro di Ombretta Ghidini e Laura Mantovi, cui si è aggiunta in seguito Angela Scalvini, e che ha già realizzato un EP (Freaky Circus, 2008) ed un CD (Moonshine Once Betrayed Me, 2011) dal sapore antico e dai suoni acustici, fra folk e country.

Il successivo abbandono della Scalvini ha portato ad un ulteriore cambio di rotta, con l’ingresso nel trio di sirene di una musicista che ben conosciamo ed apprezziamo, Giorgia Poli degli Scisma. “Le ampie distese del country folk sono ormai lontane: ora riecheggiano chitarre elettriche, armonie dissonanti, strutture più elaborate, voci che cantano di vita e di morte, di lande desolate dove tutto può succedere e in cui l’unica certezza che rimane all’uomo è un cielo stellato sopra di sé.”
Questo nuovo lavoro uscirà il 1 marzo per Quasi Mono Records. “Ci troviamo in un momento difficile a livello mondiale, dove siamo ogni giorno in balìa di eventi incontrollabili e tutto ciò che un giorno ti sembra vero il giorno dopo non lo è più. 
L’importante è cercare di non fissare dentro di sé troppe certezze ma tenersi pronti: tutto ciò che vuoi controllare non va mai come vuoi tu, Everything could happen”.

Nell’attesa di presentarvelo in trasmissione, oggi siamo lieti di proporvi il primo video estratto dal disco, You in me: enjoy!!



Monday, February 20, 2017

Le luci della centrale elettrica, prima anticipazione dal nuovo disco: Stelle Marine

Apriamo la settimana parlando di una delle uscite più attese delle prossime settimane, che segnerà il ritorno di uno degli artisti più in vista dell'ultimo decennio

Stiamo parlando di Vasco Brondi, aka Le luci della centrale elettrica, che pubblicherà il 3 marzo il suo quarto LP, intitolato Terra.
Come dicevamo un disco molto atteso, come del resto gli succede sempre, dopo il dirompente esordio del 2008, Canzoni da spiaggia deturpata, che seguiva un demo dell'anno precedente.
Nei due album (ed un EP) successivi l'artista ferrarese ha confermato il suo talento ed il suo particolarissimo stile, pur non rinunciando ad esplorare nuovi sentieri sonori.

Pare sia il caso anche di questo nuovo lavoro, che viene presentato così: "Terra è un disco etnico ma di un’etnia immaginaria (o per meglio dire "nuova") che è quella italiana di adesso. Dove stanno assieme la musica balcanica e i tamburi africani, le melodie arabe e quelle popolari italiane, le distorsioni e i canti religiosi, storie di fughe e di ritorni."
Nell'attesa di poterlo scoprire con voi, quest'oggi ve ne presentiamo la prima anticipazione, Stelle marine: enjoy!!



Sunday, February 19, 2017

Nuovo video per Tamurakafka: Il ragazzo corvo e la tempesta di sabbia

In questa domenica mattina torniamo a parlare di un progetto molto particolare, che vi avevamo presentato nel maggio 2015 con una bella intervista (qui il podcast).

Era stato con noi Massimo Baiocco, già cantante e chitarrista dei Frangar Non Flectar, rockband romana che vi abbiamo più volte fatto ascoltare e che abbiamo anche portato in concerto a Lussemburgo (qui una testimonianza video dell'inizio) quasi dieci anni fa..
Pur senza esserci ufficialmente sciolta, la band è in stand-by da qualche tempo ed i suoi membri sono impegnati in vari progetti: quest'oggi voglio iniziare a parlarvi di quello che ruota intorno al cantante e chitarrista, 

Oltre ad essersi da molti anni dedicato alla chitarra classica, con un'intensa attività concertistica, Massimo ha dato vita ad un progetto molto interessante, Tamurakafka, sfociato in un disco particolarmente affascinante, pubblicato l'anno scorso. 
Un album nel quale riesce a riunire in maniera mirabile le sue varie anime musicali, rock, cantautorato ed appunto musica (neo)classica, con la partecipazione di una serie di ottimi musicisti, inclusi altri FNF.
Ne riparliamo oggi perché venerdì è stato pubblicato un nuovo video, Il ragazzo corvo e la tempesta di sabbia, che vi vogliamo proporre questa mattina: enjoy!!


Saturday, February 18, 2017

Don Antonio is coming. Get ready.

È finita da poco una nuova puntata dei Radioracconti, e per iniziare questo sabato pomeriggio vi vogliamo proporre uno splendido teaser pubblicato in settimana.

Ma, visto che parliamo di teaser, vogliamo andare fino in fondo, e non dirvi in anticipo di cosa si tratta: lo scoprirete in questo video.
Diciamo solo, come da titolo del post, che sta arrivando Don Antonio, e noi più che pronti siamo curiosissimi.. enjoy!!



In onda fra poco, tornano i Radioracconti!!

Sono quasi le 11.30 di sabato mattina, pronti come ogni settimana a seguirci su nuovi Sentieri Sonori?

Appuntamento speciale, questa settimana, quello con lo spazio mensile che ha debuttato a fine 2015, segnando il grande ritorno di Raf, che ha creato e condotto Sentieri Sonori per 12 anni, fino al 2010, quando si è (ri)trasferito per cinque anni nella sua Roma.
Tornato a Lussemburgo, ha pensato ad un nuovo progetto da inserire nella grande "casa" della nostra trasmissione, coinvolgendo l'amico Jacopo: ecco nati i Radioracconti di Sentieri Sonori, che vanno in onda una volta al mese, riunendo canzoni, racconti ed ospiti intorno ad un tema.

I primi temi di questa stagione sono stati il vino, la fantascienza, i treni, i doni e la fotografia.. curiosi di sapere cosa ci riserveranno stavolta?

Per scoprirlo, la raccomandazione è la solita: READY TO TUNE IN?!!
11.30/13, su Radio ARA, 102.9 & 105.2 in FM a Lussemburgo, live streaming a questo link, podcast a seguire qui.

Friday, February 17, 2017

Gazebo Penguins, seconda anticipazione dal nuovo disco: Bismantova

Finalmente venerdì mattina, sentiamo già profumo di weekend, ed alcuni qui a Lussemburgo anche di ferie, visto che la settimana prossima sarà di vacanze scolastiche. Insomma, serve una botta di energia per l'ultimo sprint lavorativo? Proviamo ad essere d'aiuto, con un bel brano di una band che di energia ne spende e ne trasmette sempre tanta.

Parliamo dei Gazebo Penguins, che nelle scorse settimane hanno annunciato l’uscita del loro nuovo disco, a quattro anni dal precedente.
La band emiliana, che con i suoi primi due lavori era entrata nelle Sentieri Sonori Picks, nel 2011 con Legna e nel 2013 con Raudo, pubblicherà il prossimo 3 marzo il suo terzo LP, intitolato Nebbia.

Un disco che attendevamo con molta curiosità, e che il comunicato stampa definisce giustamente “un album maturo che sposta ulteriormente in avanti i confini del loro percorso musicale. Nebbia potrebbe essere inteso come una riflessione lunga nove canzoni che gira attorno ad una domanda: se tutti gli altri sparissero, si potrebbe cancellare la sofferenza?”
Ve lo presenteremo sicuramente in trasmissione all'uscita, chissà se con un'intervista.. nell'attesa, oggi ve ne proponiamo una seconda anticipazione, Bismantova, pubblicata giusto ieri: enjoy!!